Cosa visitare ad Aosta



Cosa visitare ad Aosta

[one_third last="no"]

[arrowlist]

[/arrowlist]

[/one_third]

Visitare Aosta non è soltanto sinonimo di neve, sci e fantastici panorami naturali ma è anche sinonimo di cultura, di monumenti interessanti e di testimonianze storico-artistiche che contribuiscono a rendere indimenticabile il fascino di questa città. In tema di cose da vedere ad Aosta citiamo l’Arco di Augusto, uno dei monumenti più antichi presenti in questa città poiché coincidente con l’anno della fondazione ossia il 25 a.C. Ci troviamo ora al di fuori delle mura cittadine, facendo dunque il nostro ingresso nella città ci dirigiamo verso il complesso medievale di S.Orso edificato nel 1131, ne osserviamo nel dettaglio l’imponente campanile romanico e la Collegiata la cui costruzione risale al periodo fra il 994 ed il 1025 all’interno della quale osserviamo gli affreschi di fine ’400, il coro ligneo intagliato risalente al 1600, le vetrate di fine ’500 ed il chiostro romanico del sec. XII. Fra i monumenti di Aosta da visitare citiamo naturalmente la Porta Pretoria, ultimo baluardo del vecchio sistema urbano risale al I secolo a.C.

Si prosegue con il Parco archeologico del Teatro romano, nei pressi possiamo ammirare anche il convento di S. Caterina edificato nel XIII sec. Ed alcuni resti di un anfiteatro risalente all’età claudia. Un altro degli imperdibili luoghi d’interesse ad Aosta è la Piazza della Cattedrale dove si possono fra l’altro ammirare i resti del sito del foro romano risalente al periodo fra il XI ed il XII secolo. Osserviamo la facciata risalente al 1526, l’interno è stato concepito in stile gotico: nel dettaglio osserviamo le vetrate, il coro ligneo ed il monumento sepolcrale del conte Tommaso II di Savoia. Da non mancare la visita al Museo del Tesoro nel quale possiamo ammirare alcune delle opere d’arte della Cattedrale. In ultimo concediamoci una visita alle mura della città dove incontriamo le varie torri antiche: la Torre del Lebbroso, Tour Fromage, la Torre Bramafan e la Torre del Pailleron.


Condividi